«Il riconoscimento da parte dello Stato è un grande successo»

16.05.2019 - 11:30 | Christian Possa

Momenti culminanti e lieti in Tanzania, avversità personali in Mozambico, piena liberalizzazione in Etiopia. Nell’intervista la responsabile del programma Lucia Winkler parla degli sviluppi nelle nazioni aderenti ai programmi della regione Africa dell’est.

gesamtschau_ostafrika_tansania_mosambik_aethiopien_-_stiftung_kinderdorf_pestalozzi

Quali sono attualmente i temi importanti per le nostre nazioni aderenti ai programmi in Africa dell’est?
È difficile fare affermazioni approssimative che riguardino questa grande regione. Sul piano economico, l’Africa dell’est si sta sviluppando con un buon ritmo rispetto al resto dell’Africa. Tuttavia, la crescita è ostacolata da fattori difficilmente prevedibili come le siccità, l’instabilità politica, i conflitti civili. La regione presenta enormi deficit infrastrutturali, come l’intero continente. Per questo il rapporto con la Cina e i suoi colossali investimenti sono temi centrali.

Quest’anno ci saranno le elezioni in Mozambico, l’anno prossimo in Etiopia e in Tanzania. Che cosa significa ciò per i nostri progetti?
Le elezioni possono avere come conseguenza il cambio degli interlocutori. Ma un cambio di governo può anche generare disordini politici. In Etiopia, il nuovo Primo Ministro Abiy Ahmed ha avviato in brevissimo tempo numerose riforme: per esempio, ha fatto liberare migliaia di prigionieri politici, ha messo fine al ventennale conflitto con l’Eritrea e ha assegnato il 50 % dei posti del nuovo governo alle donne. Inoltre, l’Etiopia ha la prima Presidente donna, Sahle-Werk Zewde. Dal nostro punto di vista, tali sviluppi sono molto positivi. Coloro che detenevano il potere precedentemente e hanno dovuto cederlo, sono scettici riguardo a questi rapidi mutamenti.

«Gli insegnanti dei nostri progetti sono impiegati dal Governo della Tanzania per attuare progetti didattici nazionali.»

Quali saranno i momenti culminanti del 2019?
Nell’Etiopia meridionale, sono quasi pronte le nuove classi e strutture sanitarie nell’ambito del progetto «accesso a una formazione di elevata qualità per i bambini etiopi». Non vedo l’ora che questi lavori siano terminati e i bambini possano occupare i nuovi edifici scolastici.

Decisivo è il nostro progetto in Tanzania, che passerà al Governo alla fine del 2019. Un tema importante, oltre alla produzione di libri di lettura adatti ai bambini, scritti nella lingua locale, lo swahili, era anche la specializzazione degli insegnanti. In accordo con il Governo locale, gli insegnanti che hanno seguito i corsi di specializzazione e applicato correttamente i metodi didattici hanno ricevuto degli attestati. Alcuni di loro sono attualmente impiegati dal Governo per l’attuazione di progetti didattici nazionali. Questo riconoscimento da parte dello Stato è un grande successo.

Come è partito il primo progetto in Mozambico?
In Mozambico abbiamo avuto una partenza difficile, poiché il responsabile locale del progetto ha perso la vita in un incidente automobilistico. Ciò ha ritardato l’intero progetto: nel 2018 si sono potute attuare soltanto cinque delle diciotto attività previste. Nell’anno corrente cercheremo di attuare in più il maggior numero possibile di queste attività. Ciò dipende però anche dalle capacità della nostra organizzazione partner locale.

Altri articoli di Christian Possa

Donare

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta ai progetti più urgenti.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al Villaggio per bambini.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Africa orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto America centrale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Asia sud-orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Europa sud-orientale.

Sì, desidero diventare membro del circolo degli amici.

Grazie infinite per la sua donazione

Dì ai tuoi amici della Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini.

Condividi