«Dai rifiuti nasce qualcosa di meraviglioso»

17.12.2019 - 17:30 | Christian Possa

Ahmed Seif Khaled – insegnante di professione e artista per ispirazione – crea presso la scuola primaria Nyamigota dei semplici supporti visivi, i cosiddetti ausili didattici. Nell’intervista spiega che cosa gli serve e perché questi materiali stimolano i bambini alla creatività.

Nel distretto di Geita sul Lago Vittoria, la Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini si impegna in 20 scuole di progetto per migliorare l’ambiente di apprendimento con metodi didattici privi di violenza. Gli ausili didattici, che gli insegnanti imparano a creare da soli, sono il collante che tiene insieme i metodi di insegnamento partecipativi.
ahmed_seif_khaled_unterrichtshilfen_nelico_patenschaftsbericht_02_2019_stiftung_kinderdorf_pestalozzi_done
Ha due passioni, quella dell’insegnante e quella dell’artista: Ahmed Seif Khaled mostra una figura dell’Africa in rilievo fatta con delle conchiglie del Lago Vittoria.

Ahmed, tu mostri agli insegnanti come creare ausili didattici. Qual è l’aspetto impegnativo di quello che fai? Quando sono arrivato qui, gli ausili didattici erano molto grezzi e semplici. Per questo gli insegnanti hanno incominciato a creare da soli supporti visivi per le lezioni. Per farlo, utilizzano i materiali più semplici che trovano nelle immediate vicinanze: può trattarsi di tappi di bottiglie, pietre, argilla, bucce di banana e molto altro. Ciò riduce i costi e stimola gli scolari a guardare oltre i confini precedenti. Inoltre, così manteniamo pulito l’ambiente. Si raccolgono rifiuti e con questi si crea qualcosa di meraviglioso.


Puoi fare qualche esempio di ausili didattici? Certo. Per esempio si creano manifesti e poster su determinati argomenti di lezione, regoli calcolatori, semplici orologi per esercitarsi nella lettura dell’ora, animali di plastica imbottiti, stringhe di numeri con i tappi a corona o paesaggi di cartone e argilla per la lezione di geografia. 

Come reagiscono i bambini agli ausili didattici? I bambini hanno talenti molto vari. Quando vedono che i loro insegnanti sanno creare oggetti così belli, sono molto ispirati e portano a loro volta dei materiali trovati nell’ambiente in cui vivono. Così insieme possiamo utilizzarli per fare qualcosa. L’importante è dar loro il tempo di mettere in pratica le idee nate nelle loro teste. Per esempio, si possono creare così semplici chitarre o pentole di argilla. Se apprezziamo il talento dei bambini, diamo loro la possibilità di
esprimersi in modo creativo.

«Si deve dare ai bambini il tempo di mettere in pratica le loro idee.»

Ahmed Seif Khaled – Insegnante

Che cosa provi quando ti accorgi che il tuo lavoro piace ai bambini? Mi fa molto piacere che siano ispirati e portino le loro idee personali. Sento di doverli ringraziare, perché il loro entusiasmo mi appaga. Il mio obiettivo è far sì che percepiscano il loro ambiente locale, si accorgano della sua bellezza e lo sfruttino per creare i loro oggetti.


Ci sono apposite classi in cui gli alunni e gli insegnanti possono essere creativi? Abbiamo dato il via a un club d’arte e cultura. Purtroppo per il momento ci manca ancora il tempo da dedicare al club, che si svolge una volta alla settimana al di fuori delle regolari ore di lezione. Ma i bambini sono creativi anche a casa; a volte portano oggetti creati da loro e li completano qui.


Si possono impiegare gli ausili didattici creativi anche in materie come la matematica? Certo, anzi servono soprattutto lì, perché le lezioni non siano troppo pesanti. Ad esempio, gli scolari imparano più rapidamente se possono ricorrere ad ausili visuali. È una cosa che salta all’occhio.

Altri articoli di Christian Possa

Donare

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta ai progetti più urgenti.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al Villaggio per bambini.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Africa orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto America centrale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Asia sud-orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Europa sud-orientale.

Sì, desidero diventare membro del circolo degli amici.

Grazie infinite per la sua donazione

Dì ai tuoi amici della Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini.

Condividi