Ginevra, sul palco sale uno studente che ha concluso il percorso emPower

12.04.2016 - 11:15 | Maya Mathias

Phnom Thano, studente che ha concluso il corso di formazione emPower 2015, opera per la nostra organizzazione ­partner in Thailandia IMPECT. In occasione di una conferenza internazionale sul tema dei diritti ­umani svoltasi a Ginevra ha tenuto un discorso a sostegno degli interessi delle popolazioni indigene tailandesi.

news_97_upr_rede_01

Phnom Thano lavora per la nostra ­organizzazione partner thailandese IMPECT e si impegna per i diritti della popolazione indigena della Thailandia. Nel 2015 ha partecipato al ­percorso di formazione continua «emPower» della durata di otto mesi presso il Villaggio Pestalozzi per bambini. La formazione continua si incentra su lezioni e workshop negli ambiti della formazione, dell’­interculturalità e della cooperazione allo ­sviluppo­. Dopo aver completato con successo la formazione emPower, Phnom Thano è ritornato in Thailandia per mettere in pratica le conoscenze acquisite.

Dal 28 marzo al 2 aprile 2016 si è svolta a Ginevra una sessione preliminare in vista della prossima Revisione Periodica Universale (Universal Periodic Review – UPR), in cui la Thailandia in quanto Stato membro delle Nazioni Unite dovrà presentare i progressi ­raggiunti nel campo dei diritti umani. Durante tale conferenza sono state raccolte informazioni sull’attuale ­situazione dei diritti umani in Thailandia­ e le organizzazioni locali si sono potute pronunciare a riguardo. In occasione di questa sessione preliminare, Phnom Thano ha avuto la speciale opportunità di tenere una presentazione sulla condizione della popolazione indigena in Thailandia davanti a oltre 80 diplomatici thailandesi e delle Nazioni Unite.

«La mia esperienza e le mie capacità sono in gran parte frutto del percorso formativo che ho svolto presso il Villaggio Pestalozzi per bambini.»

Phnom Thano – Studente emPower 2015

L’obiettivo del corso di formazione emPower è fornire una formazione specifica ai collaboratori di ­enti caritatevoli stranieri e rafforzarli dal punto di vista personale. “La mia esperienza e le mie capacità, indispensabili per il mio impegno all’interno delle reti internazionali, sono in gran parte frutto del ­percorso formativo che ho svolto presso il Villaggio Pestalozzi per bambini”, spiega il giovane ragazzo della Thailandia.

La Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini fa le sue congratulazioni a Phnom Thano per successo riscosso su questo palcoscenico ­internazionale e per il suo instancabile impegno a favore dei diritti­ umani in Thailandia.

Altri articoli di Maya Mathias

Donare

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta ai progetti più urgenti.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al Villaggio per bambini.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Africa orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto America centrale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Asia sud-orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Europa sud-orientale.

Sì, desidero diventare membro del circolo degli amici.

Grazie infinite per la sua donazione

Dì ai tuoi amici della Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini.

Condividi