Ginevra, sul palco sale uno studente che ha concluso il percorso emPower

12.04.2016 - 11:15 | Maya Mathias

Phnom Thano, studente che ha concluso il corso di formazione emPower 2015, opera per la nostra organizzazione ­partner in Thailandia IMPECT. In occasione di una conferenza internazionale sul tema dei diritti ­umani svoltasi a Ginevra ha tenuto un discorso a sostegno degli interessi delle popolazioni indigene tailandesi.

news_97_upr_rede_01

Phnom Thano lavora per la nostra ­organizzazione partner thailandese IMPECT e si impegna per i diritti della popolazione indigena della Thailandia. Nel 2015 ha partecipato al ­percorso di formazione continua «emPower» della durata di otto mesi presso il Villaggio Pestalozzi per bambini. La formazione continua si incentra su lezioni e workshop negli ambiti della formazione, dell’­interculturalità e della cooperazione allo ­sviluppo­. Dopo aver completato con successo la formazione emPower, Phnom Thano è ritornato in Thailandia per mettere in pratica le conoscenze acquisite.

Dal 28 marzo al 2 aprile 2016 si è svolta a Ginevra una sessione preliminare in vista della prossima Revisione Periodica Universale (Universal Periodic Review – UPR), in cui la Thailandia in quanto Stato membro delle Nazioni Unite dovrà presentare i progressi ­raggiunti nel campo dei diritti umani. Durante tale conferenza sono state raccolte informazioni sull’attuale ­situazione dei diritti umani in Thailandia­ e le organizzazioni locali si sono potute pronunciare a riguardo. In occasione di questa sessione preliminare, Phnom Thano ha avuto la speciale opportunità di tenere una presentazione sulla condizione della popolazione indigena in Thailandia davanti a oltre 80 diplomatici thailandesi e delle Nazioni Unite.

«La mia esperienza e le mie capacità sono in gran parte frutto del percorso formativo che ho svolto presso il Villaggio Pestalozzi per bambini.»

Phnom Thano – Studente emPower 2015

L’obiettivo del corso di formazione emPower è fornire una formazione specifica ai collaboratori di ­enti caritatevoli stranieri e rafforzarli dal punto di vista personale. “La mia esperienza e le mie capacità, indispensabili per il mio impegno all’interno delle reti internazionali, sono in gran parte frutto del ­percorso formativo che ho svolto presso il Villaggio Pestalozzi per bambini”, spiega il giovane ragazzo della Thailandia.

La Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini fa le sue congratulazioni a Phnom Thano per successo riscosso su questo palcoscenico ­internazionale e per il suo instancabile impegno a favore dei diritti­ umani in Thailandia.

Altri articoli di Maya Mathias