«Il mio intento è aiutare le persone in difficoltà»

Perché le persone ci sostengono 25.03.2019 - 17:22 | Simon Roth

Da tre anni Gerhard, di Basilea, sostiene con delle offerte la Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini. È una cosa che sta molto a cuore al settantenne, che nell’intervista racconta perché dona ed è fiducioso che il denaro arrivi nel posto giusto.

magazin_02_2019_aus_dem_kinderdorf_bild_spender_stiftung_kinderdorf_pestalozzi
Donare è un atto che sta molto a cuore a Gerhard.

Gerhard, Lei ha attuato nel Suo ambiente una speciale iniziativa di donazione. Può parlarcene?

Lo scorso novembre il mio partner ed io abbiamo festeggiato insieme i nostri settant’anni con il motto «Villaggio Pestalozzi per bambini». Abbiamo invitato parenti e amici a non farci regali ma a mettere invece soldi per la Fondazione nello zaino del Villaggio per bambini che avevamo portato. Poi, abbiamo raddoppiato l’importo raccolto. In tal modo abbiamo messo insieme un’offerta privata ancora maggiore.

Come è stata accolta quest’iniziativa?

Benissimo, anche perché avevamo presentato l’organizzazione illustrandone le attività e gli obiettivi. L’esperienza delle visite a Trogen mi ha dato molto.

Come ha cominciato a interessarsi alla Fondazione?

È successo tre anni fa durante le vacanze trascorse nella bella regione dell’Appenzello. Ho avuto l’idea di conoscere il Villaggio Pestalozzi per bambini e scoprire di più sul lavoro della Fondazione. La visita guidata al Centro visitatori mi ha colpito molto. Non sapevo che la Fondazione, oltre a organizzare i progetti di scambio a Trogen, sostiene anche progetti di formazione in tutto il mondo. Il numero dei bambini che ne beneficiano è enorme. La visita alla mostra è stata determinante per la mia decisione a donare qualcosa.

In un’organizzazione, quali aspetti sono importanti per Lei?

Do molto peso al contatto personale. Lo scorso agosto abbiamo trascorso una giornata al Villaggio per bambini, osservando da vicino vari progetti. I collaboratori danno un volto alla Fondazione. Parlando con loro, si percepisce l’operato dell’organizzazione.

Che impressione ne ha tratto?

Mi ha colpito soprattutto l’atmosfera distesa. Al Villaggio per bambini si incontrano persone di carattere diverso, eppure sembra che la convivenza funzioni bene. Il Villaggio è di dimensioni gestibili e quindi ideale per lo scambio tra bambini di provenienze diverse. Il fatto che sia un po’ fuori mano non mi disturba, anzi, ha un’ubicazione ideale.

Fa offerte anche ad altre organizzazioni?

Nell’ambito della mia attività di sostegno ho assistito una signora anziana affetta da una grave forma di demenza. Ne sono rimasto molto impressionato e ho deciso così di sostenere la Fondazione Synapsis, che si impegna nella ricerca sull’Alzheimer. Faccio anche regolarmente offerte ad altre organizzazioni. Oltre a donare questi importi regolari, faccio anche offerte a progetti di aiuto immediato in zone colpite da gravi calamità naturali o da catastrofi umanitarie come nel caso dei profughi Rohingya in Myanmar.

Perché destina offerte alla Fondazione?

Sono convinto che i progetti sono attuati nel posto giusto. Le persone condividono gli ideali della Fondazione. Ho trovato conferma a questa mia impressione durante la festa d’estate, parlando con varie persone coinvolte nei progetti. I collaboratori sono entusiasti del loro lavoro, anche se non è sempre facile. Questi incontri mi hanno incoraggiato.

Perché fa delle offerte?

Il mio intento è aiutare le persone in difficoltà, renderle felici. Le organizzazioni caritative hanno bisogno delle donazioni di imprese e privati. Senza donazioni, il Villaggio Pestalozzi per bambini così com’è non esisterebbe. Là dove crescono le prospettive per il futuro e le sofferenze umane vengono attenuate, i miei soldi sono ben impiegati.

Da dove deriva la Sua fiducia che il denaro arrivi nel posto giusto?

Appoggio pienamente le organizzazioni alle quali destino delle offerte. La mia fiducia deriva dai contatti personali, che amo coltivare, per esempio durante la festa d’estate organizzata ogni anno. Non posso che raccomandare caldamente una visita a Trogen anche agli altri donatori e donatrici.

Quando ha programmato la Sua prossima visita?

Mi sono annotato l’appuntamento per la festa d’estate al Villaggio per bambini. Combineremo la visita con un soggiorno nella regione dell’Appenzello: questi due luoghi formano un tutt’uno. A ogni visita, fin dal mattino non vedo l’ora di arrivare a Trogen.

Altri articoli di Simon Roth

Donare

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta ai progetti più urgenti.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al Villaggio per bambini.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Africa orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto America centrale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Asia sud-orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Europa sud-orientale.

Sì, desidero diventare membro del circolo degli amici.

Grazie infinite per la sua donazione

Dì ai tuoi amici della Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini.

Condividi