Non fare nient’altro che essere bambini

Circa 100 bambini e adolescenti di famiglie svantaggiate hanno avuto la possibilità di trascorrere le proprie vacanze estive presso il Villaggio Pestalozzi per bambini e di fare esperienze importanti giocando spensierati: entusiasmarsi per qualcosa di nuovo, scoprire il loro potenziale o fare pratica nelle interazioni sociali.

«Vogliamo essere ricordati dai bambi­ni e dai ragazzi come un luogo in cui possono essere chi vogliono essere e chi possono essere», afferma Lukrecija Kocmanic. Secondo la spiegazione del­la responsabile animazione della Fonda­zione Villaggio Pestalozzi per bambini, dal punto di vista pedagogico si è pun­tato dunque a riflettere sui singoli mondi in cui ogni bambino si trova a vivere. La sfaccettata offerta dei due campi estivi puntava a far imparare a bambini e ado­lescenti con background molto diversi tra loro ad entusiasmarsi per qualcosa di nuovo. È così che i circa 100 bambi­ni e adolescenti partecipanti sono stati in grado di riconoscere ed anche di ali­mentare il proprio potenziale. Speriamo che continuino così anche dopo le va­canze: ispirati da nuove idee, nuove op­portunità e nuove amicizie. Il reportage fotografico riportato di seguito mostra tutto quello che hanno fatto i bambini e i ragazzi dagli 8 ai 15 anni durante le tre settimane.

einfach_mal_kind_sein

Serata di benvenuto al campo estivo Kunter­bunt: una calda serata estiva che più bella non si può. Dopo l’incontro giovanile, i bambini hanno acceso un fuoco su cui si sono prepa­rati il pane allo spiedo. Già prima che il sole si potesse nascondere completamente dietro la casa, ecco che i primi pani erano già pronti e croccanti. Il fascino del pane allo spiedo: per alcuni partecipanti è stata una novità. Sulla slackline, giocando a biliardo o nell’aula di musica i bambini si conoscono meglio. Alcuni gruppi ridono a crepapelle, altri procedono con fare più riflessivo e si approcciano più timidamente.

spiel

La stragrande maggioranza dei partecipanti ai campi estivi proveniva da famiglie economicamente svantaggiate. Durante la setti­mana del campo questo non costituisce un problema e si vede che i bambini si divertono in un luogo in cui possono confrontarsi con i loro coetanei e non fare nient’altro che essere bambini.

workshop

Seconda e terza settimana – Il campo estivo Action & Fun: i partecipanti non sono più i bambini, ma gli adolescenti. Martedì mattina il primo gruppo si immerge nella produzione radiofonica. Una cosa diventa subito chiara: i e le partecipanti vogliono scavare ben oltre la superficie. Per i loro interventi, affrontano ad esempio temi quali il razzismo, la pressione e le dinamiche che si instaurano nei gruppi o la crisi finanziaria, tutti argomenti che hanno scelto di loro iniziativa. Venerdì pomeriggio andranno poi in onda con i loro spunti.

tanzworkshop

Il workshop di danza di Ann Katrin e Tobias ha un grande riscontro. Ben 30 adolescenti si lanciano nell’avventura e, nel giro di sei ore, elaborano una loro performance. Nella discussione comune inizia­le, emerge che i ragazzi vogliono attivarsi sul tema del rispetto e dell’uguaglianza. Insieme alle educatrici teatrali, elaborano quindi dei movimenti individuali che assemblano poi in una coreografia. Arricchi­ta con gli sfaccettati talenti dei partecipanti del campo, ne esce una performance ricca di azione che vale la pena vedere. La performance di danza puntava soprattutto a far sperimentare sé stessi ai ragazzi, spiega Ann Katrin Cooper del Panorama Dance Theater. «È bello quando si rendono conto che quello che hanno da dire è importante.»

Donare

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta ai progetti più urgenti.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al Villaggio per bambini.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Africa orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto America centrale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Asia sud-orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Europa sud-orientale.

Sì, desidero diventare membro del circolo degli amici.

Grazie infinite per la sua donazione

Dì ai tuoi amici della Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini.

Condividi