Mette tutti attorno a un tavolo

Ritratto della rappresentante della Tanzania 21.06.2019 - 10:51 | Simon Roth

Infrastruttura o materiale scolastico scadente, che tiene troppo poco conto del mondo in cui i bambini vivono: nel settore didattico la Tanzania ha svariati problemi. Per offrire ai bambini un futuro migliore, Serapia Minja coinvolge vari partner. Il metodo della Rappresentante mostra risultati notevoli.

serapia_minja_-_laenderverantwortliche_tansania_-_stiftung_kinderdorf_pestalozzi
«Una formazione di elevata qualità in Tanzania è più richiesta che mai.» Serapia Minja, Rappresentante Tanzania.

Una formazione di elevata qualità in Tanzania è più richiesta che mai. Lo sviluppo tecnologico influisce anche in Tanzania sul mondo del lavoro; le competenze specialistiche sono sempre più richieste. I giovani non sono preparati per questi sviluppi e non riescono ad avere accesso al mondo del lavoro. «Le competenze apprese a scuola e quelle indispensabili nel mondo degli affari non coincidono» spiega Serapia Minja.

Serapia Minja è economista e lavora per la Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini come Rappresentante per la Tanzania. Ha molta esperienza nel lavoro con le organizzazioni non governative. «Vorrei collaborare con i bambini, le comunità e gli altri gruppi interessati, per produrre un cambiamento» afferma la tanzaniana.

Infrastruttura carente

Una grande sfida è rappresentata dall’infrastruttura carente. Nel 2002 questo paese dell’Africa dell’est ha deciso di abolire le tasse scolastiche; ciò non ha sortito soltanto effetti positivi. Da allora, più bambini hanno accesso alla formazione, ma il numero crescente di scolari e scolare non è più gestibile dagli insegnanti e supera la capacità delle aule scolastiche. Non è raro che un insegnante abbia classi di 80-100 bambini.

In Tanzania la formazione degli insegnanti nelle scuole primarie è insufficiente. Per far fronte a questo problema, un progetto della Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini prepara gli insegnanti ai metodi didattici partecipativi. Per mezzo di immagini ed esempi concreti, gli insegnanti imparano come incoraggiare gli scolari a partecipare attivamente alle elezioni.

«Vorrei collaborare con i bambini, le comunità e gli altri gruppi interessati, per produrre un cambiamento.»

Nei libri scolastici mancano spesso collegamenti concreti con il mondo in cui i bambini vivono, sempre che ne comprendano i contenuti. Un altro progetto favorisce inoltre la produzione di libri scolastici nella lingua locale adatti e rilevanti per i bambini. I temi trattati sono più vicini al loro mondo. In questo modo apprendono competenze utili nelle situazioni concrete in cui vivono. L’esperta di networking Minja Serapia collabora per questo progetto con il Governo, al fine di far distribuire i nuovi libri anche in altre regioni, allargando così la loro efficacia e il raggio d’azione.

Si delinea un miglioramento

I club di lettura e le biblioteche migliorano le competenze di lettura e scrittura dei bambini coinvolti nel progetto. Si delineano già i primi successi: «grazie alla collaborazione del governo, di ONG e di altri partner è stato possibile migliorare del cinque per cento dal 2017 a 2018 l’esito della prova comparativa standardizzata», annuncia Serapia Minja. Il test è attuato in tutto il paese per controllare la qualità del sistema scolastico. Per accrescere la motivazione all’apprendimento da parte dei bambini, Serapia Minja promuove nei progetti i diritti del fanciullo. In Tanzania i bambini sono spesso sottoposti a punizioni corporali. I consigli scolastici composti da insegnanti e corpi studenteschi hanno il compito di elaborare disposizioni per la protezione dei bambini e controllare che vengano rispettate. Minja coinvolge in questo processo anche i genitori. Sa che un cambiamento durevole è possibile soltanto coinvolgendo tutti gli attori rilevanti.

Altri articoli di Simon Roth

Donare

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta ai progetti più urgenti.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al Villaggio per bambini.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Africa orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto America centrale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Asia sud-orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Europa sud-orientale.

Sì, desidero diventare membro del circolo degli amici.

Grazie infinite per la sua donazione

Dì ai tuoi amici della Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini.

Condividi