Una seconda estate indimenticabile

L’estate scorsa, Vasilissa ha partecipato ad un campo di una settimana presso 
il Villaggio per bambini che le è piacevolmente rimasto impresso e le ha fatto venire voglia di riparteciparvi. Quando la quindicenne racconta delle sue esperienze sprizza molta gioia e riconoscenza da tutti i pori.

rs19109_20210721_summercamp-36_v3_unscharf-scr
Vasilissa si è affezionata al Villaggio per bambini: durante il campo estivo 2020 e il Summer Camp 2021, la quindicenne ha potuto rafforzare la sicurezza in se stessa e stringere amicizie che durano tutt’oggi.

«Durante il campo estivo ho incontrato tante persone interessanti e ho potuto stringere molto amicizie che durano tutt’oggi», afferma entusiasta Vasilissa nella sua lettera di ringraziamento rivolta al Villaggio per bambini. Proprio ai tempi del coronavirus, queste amicizie createsi al di fuori delle mura della sua classe sono ancora più preziose.

Superare sé stessi

Interagendo con gli altri partecipanti, la ragazza russa di nascita ha conosciuto meglio anche la Svizzera e ha iniziato ad imparare il tedesco svizzero. Un passo per lei significativo, come sottolinea nella sua lettera: «Siccome mi trovavo in un gruppo nuovo, è stato più facile fare questo passo. Nel Villaggio per bambini ho continuato ad evolvermi e sono ritornata a scuola con una maggiore sicurezza in me stessa.»

Quando nella primavera del 2021 è arrivata la documentazione di iscrizione al Summer Camp nella cassetta delle lettere dei suoi genitori, Vasilissa non contava di riuscire a partecipare ad un altro campo. Ma non si fa sfuggire l’occasione di inviare al Villaggio per bambini una lettera di ringraziamento dove richiede se le si può dare di nuovo la possibilità di vivere un’estate indimenticabile.

«Nel Villaggio per bambini ho continuato ad evolvermi e sono ritornata a scuola con una maggiore sicurezza in me stessa.»

Una full immersion grazie ai workshop

Quattro mesi dopo, Vasilissa è di nuovo seduta sotto un albero del Villaggio per bambini ed è raggiante: «Quando sono venuta a sapere che potevo andare al Summer Camp, ero davvero ­felicissima.» Diversamente dal campo estivo, ­l’International Su    mmer Camp è più strutturato, con workshop dedicati a vari temi tra cui l’identità e la discriminazione. Agli occhi della quindicenne, è proprio questo che rende il programma di scambio interculturale così affascinante. «Durante il Summer Camp ho realizzato che si deve sempre provare a discutere per capirsi reciprocamente.» Non porta a niente aggrapparsi ostinatamente alla propria opinione invece di essere aperti e disposti a raggiungere dei compromessi.

«Durante il Summer Camp ho realizzato che si deve sempre provare a discutere per capirsi reciprocamente.»