«La sostenibilità comincia ancora prima del progetto»

15.04.2019 - 10:22 | Christian Possa

Damian Zimmermann, Direttore programma in Svizzera, nell’intervista spiega come la sua sezione riflette continuamente sui cambiamenti sociali, come si cerca di rendere i progetti più sostenibili e come questi influiscono sui bambini e gli adolescenti.

damian_zimmermann_patenschaftsbericht_gesamtschau_kinderdorf_programme_schweiz
Damian Zimmermann, Direttore programma in Svizzera

Di quali temi si occupano attualmente i programmi in Svizzera?
Oltre ad analizzare questioni strategiche, osserviamo i mutamenti sociali e li riprendiamo nei nostri progetti: sia sul piano dell’offerta, cercando di monitorare attentamente le esigenze, sia attraverso i metodi. In qualità di attori extrascolastici e non formali, puntiamo su un lavoro sempre incentrato sul bambino, in tutti i nostri progetti.

Può fare un esempio?
Sono progetti come l’European Youth Forum Trogen, la Conferenza nazionale dei bambini e ora anche la Digiweek, nella quale intendiamo concentrarci ancora di più sul bambino e il suo scambio all’interno del gruppo. I progetti sono incentrati sull’io come soggetto in rapporto con il mondo – e ciò dal punto di vista della convivenza pacifica.

Quali importanti conclusioni si possono trarre dall’anno scorso?
Discutiamo spesso sulla sostenibilità dei nostri progetti. Come possiamo riuscire a fornire ai partecipanti gli strumenti necessari affinché, anche dopo il periodo al Villaggio per bambini, mettano in pratica iniziative e condividano le esperienze nel loro ambiente? Da un lato, i gruppi devono decidere già prima del progetto su quali temi concentrarsi; dall’altro, diamo ai partecipanti sul posto il tempo sufficiente per sperimentare le iniziative progettate e per parlarne.

Quali sfide dovranno affrontare i programmi in Svizzera nel 2019?
In futuro intendiamo seguire sempre più un orientamento che permetta a singoli adolescenti di iscriversi ai nostri progetti. Finora la partecipazione è quasi sempre stata organizzata da scuole e organizzazioni partner. Singole iscrizioni sono impegnative perché presuppongono un ulteriore carico amministrativo. Recentemente abbiamo avuto un’idea: un gruppo di bambini in collaborazione con pedagogisti e artisti elabora un punto del programma relativo al nostro tema annuale «30 anni di diritti del fanciullo» e lo presenta alla festa d’estate del Villaggio per bambini.

Quali sono i momenti culminanti dell’anno scorso per la sezione programmi in Svizzera?
Riceviamo molti feedback positivi da parte di bambini e adolescenti, ma anche di accompagnatori adulti. Ci parlano dell’importanza che questo soggiorno ha avuto per loro. Sento spesso affermazioni come questa: «Qui ho vissuto il momento più importante della mia vita.» Per i bambini e gli adolescenti, potersi sviluppare personalmente nell’ambito dei progetti ed esprimere la propria opinione rappresenta un’esperienza molto speciale. Ci sono anche molte risposte specifiche, come: «Ho notato che ho più coraggio. Ho acquistato più sicurezza. Difendo le mie opinioni. I miei compagni mi guardano con occhi diversi.», o anche: «In questo gruppo ho sperimentato molta solidarietà.»

Altri articoli di Christian Possa

Donare

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta ai progetti più urgenti.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al Villaggio per bambini.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Africa orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto America centrale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Asia sud-orientale.

Sì, desidero che la mia donazione venga devoluta al progetto Europa sud-orientale.

Sì, desidero diventare membro del circolo degli amici.

Grazie infinite per la sua donazione

Dì ai tuoi amici della Fondazione Villaggio Pestalozzi per bambini.

Condividi